dove come investire nel 2017

Come investire nel 2017? Riflessioni utili e consigli sul tema

Come destinare Oggi 2017 i propri risparmi (anche piccole somme) alla migliore forma di investimento superando l’inflazione?

Di seguito elenchiamo i metodi secondo noi e le nostre analisi più proficui e redditizi. Quando bot e libretti di risparmio restituiscono tassi ‘interesse non molto appetibili ogni individuo che abbia guadagnato con sudore, risparmiato, ereditato o vinto al gioco una sommetta interessante si pone la domanda: Come investire oggi 2017 per far fruttare al meglio il patrimonio senza soccombere alla diminuzione del potere d’acquisto dei propri soldi dovuto all’inflazione? Bene, la riflessione è ampia e articolata e dipende ovviamente dal profilo del rischio che l’investitore è disposto a correre.

Precisiamo intanto che se la somma non è già all’interno del circuito bancario, cioè non è già depositata in una qualunque banca o ufficio postale sotto qualsiasi forma anche se non si abbiano già rapporti diventa un problema e diremo obbligo andare a dimostrare la provenienza dei soldi per poi procedere con un qualunque investimento che porti guadagni o per richiedere ad esempio l’emissione del bonifico per acquistare l’immobile desiderato qualora si voglia investire nel mattone, altro che preoccuparsi dell’inflazione.
Per le nuove normative antiriciclaggio la legge impone infatti alle banche la immediata segnalazione dell’individuo presentatosi allo sportello con una somma piuttosto elevata come si dice in gergo con abbondante ” denaro fresco”. Sarà pertanto premura del futuro investitore produrre la documentazione attestante i guadagni, il lascito o la vincita dell’importo depositato. Superato il momento del deposito sul tema Come Investire oggi “, cominceremo partendo dai metodi per ottenere guadagni meno remunerativi ed ovviamente meno rischiosi fino ad arrivare a  investimenti con concreto rischio sul capitale ma con entrate interessanti.
L’ investimento piu’ immediato, meno rischioso e piu’ sicuro oggi sono gli ormai molto utilizzati conti deposito.

Conti deposito

Da noi considerati più sicuri, versatili e remunerativi degli investimenti postali. Questi prodotti, protetti dal fondo di tutela statale e offerti da gran parte degli istituti bancari nazionali ed internazionali prevedono una remunerazione a fronte del vincolo su una somma depositata e decisa dall’investitore.

Precisiamo intanto: non hanno costi di apertura ne chiusura (qui un esempio che addirittura omaggia fino a 800 euro chi lo apre) ma, siccome nella quasi totalità dei casi sono gestibili esclusivamente on line si presuppone che l’intestatario abbia una buona dimestichezza con il computer e l’operatività su internet.

Quelli più convenienti prevedono che la banca si accolli anche l’imposta di bollo prevista per le giacenze superiori a 5000 euro. Rassicuriamo i più reticenti in merito alla sicurezza: per tali prodotti si avrà rapporto direttamente con l’istituto emittente, e dietro la maschera del sito internet presente online c’è sempre una banca più o meno solida dalla quale i nostri soldi verranno custoditi e investiti e in casi estremi del fallimento dell’istituto interverrebbe comunque il fondo di tutela dello stato rimborsando i correntisti fino ad € 100.000 depositati.

Tale evenienza potrebbe però verificarsi purtroppo anche con una banca fisica, si sappia. Continuando, una volta scelto il conto deposito migliore utilizzando comodi servizi reperibili facendo una ricerca on line si potrà, dopo l’apertura procedere vincolando la somma destinata per un X periodo scelto. Ad esempio vincolando 10.000 euro per un anno ad un tasso dell’1,50 %, se previsto questo tasso, verranno ricevuti alla fine dei 365 giorni € 10.000 + euro 110 circa di interessi (somma al netto dell’imposta del 26% che purtroppo lo stato reclama).

Va precisato inoltre che spesso gli interessi vengono accreditati in forma anticipata per cui l’investitore avrà un immediato realizzo dei guadagni. Oggi gennaio 2017 i conti deposito hanno ampliamente abbassato i tassi remunerativi ma si pensi che fino a due anni fa per alcuni vincoli si guadagnava fino al 4.5 % su base annua. Tasso di inflazione ampliamente abbattuto. Sviscerando ancora il tema e restando sempre in ambito bancario ci si addentrerà nel comparto obbligazionario (più sicuro) o azionario (più rischioso).

Un completo ed esaustivo articolo al link seguente spiegherà in termini chiari e semplici come muoversi e investire anche piccole somme all’interno dell’altro vasto segmento del mondo degli investimenti bancari .

Continuiamo menzionando un’altra forma per investire diversa e forse più stimolante e avventurosa che oggi sta prendendo sempre più piede tra molti investitori.

Gli Startup

Si tratta di un metodo innovativo e diretto che consiste nel finanziare anche con piccole cifre idee imprenditoriali a persone cui mancano i capitali. Se si conoscono direttamente o indirettamente questi futuri imprenditori ci si può accordare con essi per finanziare il loro progetto per fare impresa se si crede ovviamente nelle idee presentate.

Questi investimenti non hanno uno storico ricavi o una curva economica da analizzare soprattutto se l’azienda in Startup presenta idee innovative e mai attuate per cui vi sono numerose incognite a proposito ma certamente se il progetto sarà valido i guadagni non tarderanno ad arrivare e secondo il mercato aggredito potrebbero esserci davvero ottimi ricavi.

Anche online si possono trovare siti internet e quindi società che offrono un punto di incontro tra domanda e offerta del capitale. Basterà digitare sul buon google in alto nella casella di ricerca la parola startup e si potranno avere informazioni più dettagliate su tale altro investimento più moderno.Ricordarsi che per questa forma di investimento di potranno addirittura percepire dei fondi che lo stato ha destinato a nuove idee imprenditoriali innovative quindi si potrebbe addirittura rispamiare i propri soldi accedendo ai finanziamenti previsti.

Nel 2017 il mondo del lavoro è cambiato, sono nati altri metodi per arrotondare lo stipendio, ma gli affezionati dei classici metodi per investire oggi ripiegheranno sicuramente nel più antico e sicuro metodo per ottenere guadagni certi che è il mercato dei metalli e pietre preziose

Oro e Diamanti considerati da sempre Beni rifugio

Tale investimento è considerato conveniente in quanto non subisce al momento la tassazione statale (per diamanti e oro fisico da investimento) per cui i guadagni conseguiti dall’acquisto e successiva vendita della pietra o del metallo sarebbero netti. Il periodo di riferimento per tali investimenti va considerato come in medio-lungo termine anche se a seconda degli avvenimenti mondiali ci potrebbero essere piacevoli soprese.

La quotazione dell’ora dal dicembre 2016 ad oggi ha subito un incremento del 20%, rendimento impensabile per altre forme di investimento. Agli affascinati dalla brillantezza e prestigio di tali preziosi se profani e volessero cimentarsi nell’investimento inerente consigliamo di muoversi all’interno di un istituto bancario che offra tra i propri prodotti e servizi l’operazione e che soprattutto possa rilasciare oltre alle informazioni relative all’investimento anche le certificazioni di provenienza e purezza della pietra (nel caso di investimento in diamanti).

L’oro può essere acquistato sotto forma di lingotti o monete, la prima forma è la più redditizia. Non si pensi di investire in oro acquistando catenine o bracciali perchè incluso nel prezzo al grammo in questo caso vi sarà la lavorazione che al momento della vendita non verrà certamente valutata.
Andiamo all’aspetto del profitto. La valutazione del diamante e dell’oro avviene in dollari, il mercato collegato ha un movimento continuo in andamento crescente superiore all’inflazione per cui i guadagni sono certi e il capitale sempre protetto ma va tenuto in conto il rischio di cambio. I momenti in cui le 2 monete (euro italiano e dollaro americano) possono avere una convenienza per noi e permetterci l’acquisto ad un prezzo minore possono alternarsi con momenti in cui il rapporto tra le due monete va a nostro sfavore abbattendo l’apprezzamento che il mercato ha dato nel frattempo al bene su cui si è puntato.

Il valore aggiunto nell’intraprendere tale investimento tralasciando società private che offrano il servizio e che ovviamente applicheranno commissioni più o meno elevate sta nella sottoscrizione di un contratto, all’interno dell’istituto bancario che seguirà l’investitore, che preveda oltre la detenzione dei preziosi nei loro caveau (consigliata) la libera vendita e quindi l’uscita dall’investimento in qualunque momento si desideri al prezzo momentaneo e trasparente del mercato.

Infatti i listini di vendita riporteranno un prezzo uguale in tutto il mondo, per cui, in qualunque parte del globo ne frattempo l’investitore si sia trasferito potrà vendere il suo oro per riavere il capitale ovviamente al tasso di cambio del paese.

Qualora la banca offra tale servizio l’investimento può considerarsi conveniente, perchè non tassato, sicuro, perchè non c’è rischio di capitale o deprezzamento del bene e massimamente profittevole in quanto l’investitore potrà disporre della somma in ogni momento secondo le proprie necessità. Dall’anno 2000 ad oggi il prezzo dell’oro è triplicato, c’è stata a dire il vero anche una leggera flessione, ma comunque chi ha acquistato oro da investimenti nel 2000 ha comunque conseguito un ottimo guadagno.

Rilevare un’Attività già ben avviata e profittevole

Trovare ed acquistare o prendere in gestione un negozio o attività commerciale il cui proprietario disposto a vendere possa dimostrare buoni profitti negli anni precedenti può anche rappresentare una valida forma di investimento oggi. Infatti anche se l’attività non sarà quella dei propri sogni potrà per 2-3-4 anni o più essere una buona fonte di guadagno extra ed accompagnarci in una nuova avventura per poi magari venderla e realizzare altri profitti. Sarebbe come prestare i propri soldi ad una banca per ricevere degli interessi.

Diventare possessori di un qualsiasi negozio che vende il più diverso bene o servizio rappresenta sicuramente una forma alternativa di investimento oggi. La semplice azione da fare sarà quella di farsi un giro nella propria città o paese in cui si sarà deciso di investire e ricercare un’attività di interesse che sia in vendita.

Altrimenti basterà ricercare la stessa su riviste o sito di annunci specializzati o ancora meglio affidarsi a società immobiliari che proponessero tale vendita. Analizzare il bacino di utenza ed il mercato di riferimento sullo storico ricavi metterà al riparo da brutte sorprese. Anche questa forma di investimento comunque, visto i recenti avvenimenti in ambito bancario e obbligazioni subordinate può essere considerata valida e sicura alternativa.

Investimento oggi nel mercato immobiliare

In questo ambito le considerazioni da fare sono molteplici. Dopo l’acquisto dell’immobile come lo si fa fruttare? Le risposte sono due: lo si affitta per percepire un corrispettivo mensile o lo si venderà ovviamente ad un prezzo maggiore dopo aver apportato delle migliorie o attendendo un apprezzamento del mercato immobiliare?

Nel primo caso  si andrebbe ad affrontare un esborso finanziario notevole, che supera spesso le € 100.000 ( casa piccola) per andare a prendere un corrispettivo mensile di anche € 800-1000 secondo il luogo di ubicazione dell’immobile.

A tale incasso dell’affitto, ammesso di trovare un affittuario puntuale e preciso, andranno decurtate le spese dovute alla dichiarazione del contratto e ovviamente le tasse che lo stato applica alle seconde case. Qui una chiara guida che elenca le tassazioni del momento che siamo sicuri farà passare o abbasserà notevolmente il desiderio di acquistare un immobile per affittarlo.

Molto più proficuo e conveniente secondo noi l’acquisto della casa per rivendere ad un prezzo superiore ottenendo guadagni per le migliorie apportate. Lavorando infatti sulla struttura o sugli interni, affidandosi a ditte specializzate ed economiche si potrà puntare a rivendere ad una nicchia di clientela più esigente e quindi più disposta a spendere.

Oggi investire nel mattone soprattutto in questa fase di deprezzamento degli immobili per l’investitore che abbia una buona somma disponibile potrebbe davvero essere occasione per buoni guadagni.

Si consideri sempre durante il possesso dell’immobile la tassazione che lo stato applica alle seconde proprietà. Purtroppo lo stato lo abbiamo sempre come socio!

Concludendo:

Ci preme sottolineare che la forma di investimento del proprio capitale va scelta sempre in modo razionale, ponderato, diversificato, e sempre secondo i rischi che si intendono correre ma ogni tanto va seguito quel sesto senso o intuito che potrebbe portare guadagni inaspettati.

La difesa del capitale inoltre non va fatta in maniera paranoica o da non dormire la notte altrimenti ai soldi guadagnati andrà sempre sottratta la quantità di benessere e tranquillità persi inseguendo tale scopo.

Chi segue ormai abitualmente questo sito si sarà accorto che l’argomento guadagno lo rapportiamo sempre al benessere generale che la persona deve assolutamente conseguire. I soldi non sono tutto nella vita!